Ad Majora!

ROBERTO LO PRESTI

Presenta:

Il Silente Fruscio delle fronde

(riflessioni e pensieri-teatro e teatrino)

 A Francesca,Andrea e Martina con vivo Amor.

 

Tutte le opere sono di: Francesca Lo Presti – Messina francescalopresti@hotmail.it

Premessa 

Nelle poesie di Roberto Lo Presti è predominante il senso della natura e specificatamente della natura mediterranea con i suoi colori, i suoi profumi, la sua solarità.

Un posto particolare spetta al mare, il mare di Sicilia che “caluri e respiru ti dugna”.

Il “caldo vivo sole mio” illumina la pagina poetica impregnata di colori e sapori del sud, rivissuti e risentiti nostalgicamente.

Altro motivo risulta l’amore, un amore “strozzato dal silenzio” si vela di malinconia e di note elegiache nello snodarsi dei versi ritmati sulle corde della memoria.

Sotterraneo si intravede il motivo religioso là dove l’autore parlando degli uomini li definisce tutti “mendicanti della tenerezza di Dio”.

Ma al di là della solidarietà della maggior parte dei versi, sembra alla fine prevalere un senso cupo e pessimistico della vita, come si evidenzia nella poesia “Fili di luce”: attraverso dei chiaroscuri, in forme parallele e contrastanti, il sentimento  negativo  serpeggia  nei  versi  che  si  chiudono  con  la  parola “solitudine”.Questo è il nucleo tematico dominante,  a  mio  parere,  che rende  la  poesia  di  Roberto  Lo Presti          una                   interessante testimonianza     della     perenne inquietudine   umana   che   pur tende  insistentemente  verso  la luce che sente fuggire.Anche l’incipit della poesia evoca qualcosa di negativo: “Scrosci di acqua e fango” hanno la meglio sui “condidi calici” dei fiori che chiudono i petali e “affogano senza grido nel buio”.

Vittoria Gigante

 

 

 

Novembre a Trento

E’ inverno, neve e vento

segnano le ore della mia solitudine- Dietro i vetri,

vedo assorta Josephine, sussurrare  poesie,

ad ogni verso c’è un pensiero ed un sorriso;

siamo lontani…..  ma  vicini,

ti accarezzo il volto roseo e le mani. Poi d’improvviso,

il tuo sguardo si ferma in un cantuccio della stanza,

e……  non ti vedo più.

 

Un dolce soffio

Le tue lacrime  or son ferme, serenamente…

adesso puoi  sorridere.

Il vento  canta soavemente sul tuo viso, accarezza le tue mani.

Le tue labbra morbide, vellutate vorrebbero dir cose che non sai dire poiché non sono da dire.

E’ notte

questo profumo di  mare e  la luna sull’acqua.

 

Un dolce soffio

 

Le tue lacrime  or son ferme, serenamente…

adesso puoi  sorridere.

Il vento  canta soavemente sul tuo viso, accarezza le tue mani.

Le tue labbra morbide, vellutate vorrebbero dir cose che non sai dire poiché non sono da dire.

E’ notte

questo profumo di  mare e  la luna sull’acqua.

 

 

Che sia vento di seta

Il vento soffia sulla porta  di  casa, spinge  sulle finestre  instabili….. fratello….   aiutami….

Tu,dalle grandi spalle ed io,

fermeremo al cancello  il suo impeto.

Non lasciare che spenga  il mio ‘Focolare’,

lì , sono… i miei piccoli ,grandi  sogni di bimbo.

 

Dedicata all’amico fraterno :  Luigi Spignolo

POESIE ISTANTANEE

 

Cadono  lente le foglie

…… finirà una sera immobile.

Musica soave

accarezza la tua anima

E’ un istante……

Le note son nel corpo.

Ciascun  uomo  ha una donna

in fondo al cuor.

Fili di luce

Scrosci d’acqua e fango scoloriscono fiori

dai candidi calici.

Petali chiusi affogano senza grido nel buio della solitudine.

 

Cerchiamo nella palude suoni e … ecco… là…

una canna aperta sanguina…

una voce…

Andiamo insieme nell’amore, a curare le ferite

che ci rendono mendicanti della tenerezza di Dio.

 

 

 

 

La mia terra

Vuoi sapere qual è la mia terra? Leggi un po’, indovinerai presto, un triangolo festoso di luce, colori s’è levato in piedi in nome dell’umanità,

frutti, fiori, profumi aromi

di zagare e canti tanti.

Variopinte immagini rosso fuoco, verdissime, azzurre, celestine.

 

 

                                                                                                       

Il nostro mare

Che meraviglia il nostro mare,

ti regala dolcezza, ospitalità, fervore, tanta poesia.

Respiro lontano il profumo

acre e sprizzante,

odo lo scroscio dei flutti sulla roccia di S. Raineri, assorto sulla stretta spiaggia,

ascolto il suono vicino dei gabbiani, mentre più in là, una soave onda abbraccia i nostri giovani corpi.

Respiro lontano il profumo

acre e sprizzante,

odo lo scroscio dei flutti sulla roccia di S. Raineri, assorto sulla stretta spiaggia,

ascolto il suono vicino dei gabbiani, mentre più in là, una soave onda abbraccia i nostri giovani corpi.

U mari

Matri bedda

chi spettaculu stu mari chi caluri e respiru

ti dugna.

Quannu è cammu signa i battiti du me cori e mutu mutu m’addummenta quannu è mossu

ti svigghia e ti inchi di fozza e di vita.

U profumu è unicu,

i culuri: viddi, blu, azzurru niru, biancu, giallu, russu e celestinu,

sunnu a tavolozza

du nostru Gran Signuri.

 Disegnato da Roberto Lo Presti

Donna del Sud

Forte, calda donna del Sud. Con te vorrei vivere lungo             

i canneti del Mare splendido di Sicilia, con te sotto le foglie di olivi vorrei parlare dei miei sogni di bimbo.

Con te all’imbrunire vorrei

sentire abbracciati la fresca brezza della sera.

 

Fatina mia

Nipotina mia dolcissima,

ti ho sempre atteso con ansia ed amore

mentre mi apparivi silente

nelle favole,

nelle tele di Francesca, nei fogli segnati

da matite colorate,

nella dolce  musica

che irradia  di luce mattutina, il mondo……

 

 Bianche vele

La vita vola via,                         

scivola tra le onde mosse dal vento inquieto.

In un futuro prossimo cupo e leggero, sento sensazioni

di dolcezza, affinità, ordinati silenzi. Cielo e terra abbracciano

bianche vele, gabbiani incornicino dolci segni, che in te, dal dolore al contrasto

accedono… delizie.

 
Monteporzio Catone

Freschissime aurore,

soavi e verdeggianti curve,

mi portano alla mia piccola Scuola. Rapidi balzi, sereni paesaggi

mi fan sospirare.

Il mosto entra nelle vene; il fischiettio degli uccelli mi fa sognare in un

giorno di gioventù matura.

Pensieri notturni

Nel buio della notte, odo sonar cetre appese a travi oscillanti;

le muse scrivono tra note soavi

pensieri notturni. Ricordi sottili affiorano, disegnano figure

di giovani dai candidi visi.

Adolescenza non troppo lontana veste di verde e di rosa

ornata di ricca mimosa. Equilibri di tempi e di spazi, fiducia e speranza, ancora

t’ invitano a sognare, aneliti d’amore.

 

Mia immagine di altri dì

 

Oh! Caldo vivo sole mio!

oh! Splendida mia bianca conchiglia! oh!soave immagine di dolcezza! Come vorrei fermare il tempo, correre, fuggire senza pensieri. Vivere sotto i canneti del Mare splendido del Sud.

Sentire l’aria fresca della brezza

al suono dei gabbiani, mentre l’onda s’infrange sui nostri giovani corpi.

INTERBISTA SUPRA LALISCAFU:

 

 

Milazzo – Lipari

ai partecipanti u  fistinu du compliannu dell’amico Robbittuzzu

u prufissuri finu

quanno mancia… non bivi vinu…

 

Avemu intervistatu na para i gitanti ca matina si dilettunu a iucari cu l’amu ‘nta l’acque territoriali du tirrenu ‘nto peccossu Milazzu – Lipari  e bicevessa.

’Nto salutteddu da scippitta, propriu ‘nto nanguleddu truvammu mezza addummentata a signurina anzi a signura Vituria (intisa a pipiruncina  filippinedda),  a  idda  cu  mezza,  vuci  ci  tissimu  du punti: Scusassi si ci rempemu in due patti a sunnulenza sapemu ca est malacrianza ma siccomu stavamu indagannu il da fari, sutta sta vesta oh! oh!… Piddunatimi ‘nta sta  festa  ca savi a fari, eccu ci dumannamu  accussi  simplicimenti,  si  iavi  da  fari  avanzi  (no  i manciari sintendi). A signura in primis si visti accussi sbigliata e si scantau e dissi ‘nta na vota: “Ma, ma chi vuliti i mia, lassati iri, non viditi  ca  tommu?  Sugnu  all’offeo,  lassatimi  stari  –  ripricau abbassannu  u vulumi da vuci assai caura (comu a calia). Ma chi pensa da fistazza? Nenti nenti non mi faciti sti dumanni ca nun sugnu  priparata,  fossi  annari  unnu  u  parracchieri,  ma  fari  u vistititu cu pizzu e non sacciu poi si mi divettu picchi, mi pari ca manca la  materia primaria, ciò est la cavalleria rusticanazza. Ma chi beni a diri… signura si spiagassi megghiu. A duviti sapiri ca a mia mi piaciunu assai i   stiddi o megghiu i stilletti – ah! beni! vol dire ca est sintimintali; ma no ca capiu, a mia piaciunu aviri ‘nta sta festina 4 mintemu carabbinieri oppuri megghiu 5 bissaghieri o

3 appinisti senza pinna e non stu pugnittu di carusazzi, ca si

nnacunu tutti e non cunchiutunu, in geggu di culinaria si diria ca

sunnu 4 braciulittuni senza sali. A mia a festa mi piaci assai, ma no accussi, pi la Peppa. Lassamu un tanticchiu incavulata la signura chi ancora para sula e gisti-cula culi mani et pedi.

Passamu o fiancu da   signura, ca più casu (non si sapi comu si trova ddà) vetemu u ngigneri di Missina 3, don Culino cchiddu ca para cu sorisinu. Sor  Cula, sor Cula, lassassi pu un sicunnu sta Ripubbica (ca non cianci; est u giunnali),   voliumu sentiri magari i vui quarche rispustina come chidda  rivotta  a signurina. Ma chi c’est non sacciu nenti, eru ca, ma nun eru prisenti. Si pallava da fiesta di juonnu 4 i jugnu, ah! si, capia, ma… veta… yò… non sacciu si vegnu… fossi ma fari na pattita i tennissi… veta, qui, quà e sempi semu ddà, supa stu marazzu ca si sta puttannu puru u stomacazzu, st’acqua i  sutta ca mi fa sentiri 1000 botti, pi futtuna ca ci siti vui, don Liboriu ma si  nnunca pariria tuttu u veru mattoriu. Diciva tuttu stu nnichiti nnachiti, miricodda l’infanzia in movimentu, ora cca  banna  ora  dda  banna,  non  navia  paci,  pi  Baccu  vistutu  i nanittu. Chi ni pensu du fistinu? Vegnu e mi pieghu tri punti:. a devi sapiri ca ‘nta sta striscia i terra ca ni tugna stu mossu i pani e poi nu leva, succeduno cosi di milli e na notti, ora yò non mi vurria compro-mettiri cu nuddu, picchi i cosi si sannu prima ca si fannu e poi nesciunu nta tutti i giunnali i l’arcipelugu. Nto merito a festina, ci sunnu  pochi  dami chi mi tirunu mi svigghiunu a fantasia,   diria   na   para   ni   facemu   chi   patati,   autri   ca   su mmaccadeddi ni facemi chi piseddi, ma chi ci a diri. Ma sintissi comu muddenti? ma quali, cu sta dintera chi tegnu e poi nun si busca na  l’ira bucata ci dicu. C’iera quarcunu, ca ci avia fattu menzu  pinsieddu   ma…   non  sacciu…,  mintenu  na  para  mi piaciriunu, ma dicunu ca sava a fari a fila indiana e poi in pubbico non  si scoprunu i tuttu. Autri si dichiarami fiteli anzi fitilissimi a la solenne premessa i na vota, e va beni, yo spettu. Sunnu fideli, nta l’apparenza si, si seghiri u visti stu film 4 voti era a culu-ri, russi – rusè e niru.Benissimo,  lassamu  u  cumpagnu  sugialista  ca  so  Ripubbica  esubito ni veni di fronti, anzi si ni veni scinnennu a  scalitta l’amicu ntisu tinuri,  mister-(o) Filici (iddu). Ci dumannamu pi comu sa passa e subito cun surrisettu ni dici in italo-siculu-ngrisi: ma puria annari megghiu, cu sta ruggini  ca mi strovu nte iammi, volitiri ancora non aiu rinusciuto a pizzicare na nticchia a situazioni. Ma! yo no sacciu… Ma misteri, si dici in giru ca siti un  tantineddu timidu e risebbatu, insumma in risebba vaia, – ma quali risebbatu – mi                    rispunniu u baruni, baritunu           i           Baccellona – yo u fazzu a puntu e a posta ca nto misteru e nto silenziu si dici o me paisi nun paroli ma fatti e yo ci pensu  sempi, ad ogni modu, du stu fistinu ava nesciri qualchi cosa, ma si nonca canciu isola et isulamentu. Arrivutella a prestu e mi raccumannu acqua nta bucca, e occhiu finu e ceccu di farimi l’affarazzi mei, comu si dici in italianu du punti: frivu u pisci e baddu a jatta.

Dedicato ai poeti in vernacolo messinesi.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: